Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Assistenza

 

Assistenza

UFFICIO ASSISTENZA

 

 

ASSISTENZA SOCIALE

L’Ufficio Assistenza dell’Agenzia Consolare di Moron assiste i cittadini italiani che risultino essere residenti in via permanente nella circoscrizione consolare di Moron, in possesso di regolare DNI e  iscritti all’AIRE;  si offre inoltre assistenza ai cittadini italiani temporaneamente  presenti (per un periodo non superiore ai 6 mesi) in questa circoscrizione consolare per motivi di studio o di lavoro e che si trovino in in situazione di bisogno.

ASSISTENZA AI RESIDENTI INDIGENTI

I connazionali che versano in una situazione di indigenza possono ricevere dal Consolato un sussidio economico qualora i fondi destinati a tale scopo lo permettano.

I presupposti  per ricevere l’aiuto sono:

1.     la cittadinanza;

2.     l’effettivo stato di indigenza definito secondo i parametri annualmente stabiliti dall’Ambasciata di Buenos Aires;

3.     la regolare residenza nella circoscrizione di questa Agenzia Consolare ( pertanto in possesso di regolare DNI ) e l’iscrizione AIRE;

Il Consolato concentra le propie risorse nell’assistenza alla fascia più povera dei connazionali, sulla base dei seguenti criteri :

1.     Reddito ( priorità a coloro che ne sono totalmente sprovvisti, che non ricevono pensione o altri sussidi o hanno solamente la pensione minima argentina;

2.     Età ( priorità ai più anziani );

3.     Anziani soli;

4.     Situazione di famiglia (priorità alle persone cje non hanno  abitazione o che non hanno familiari che li possano aiutare );

5.     Salute (priorità  a coloro che necessitano cure prolungate e/o molto onerose );

6.     Familiari a carico con handicap fisici o mentali;

7.     Condizioni abitative precarie

La richiesta di assistenza va presentata personalmente in Consolato ma - nel caso che il connazionale non sia in grado di recarsi autonomamente in Consolato -  la richiesta può essere presentata da un familiare che esibisca un certificato medico.

Per permettere la valutazione dello stato di indigenza e la successiva eventuale erogazione del sussidio, il connazionale deve presentare all’Ufficio Assistenza la documentazione di seguito elencata:

1.     Originali  delle ultime 3 ricevute di tutti i pagamenti effettuati per le utenze casalinghe ( gas, luce, acqua, telefono fisso e mobile )  e per le tasse provinciali e municipali;

2.     Ricevute delle entrate di tutto il gruppo familiare convivente quali stipendi, pensioni ed altre entrate varie;

3.     CUIL  di tutti gli adulti conviventi;

4.     Ricevute della spesa mensile per farmaci  e relativa prescrizione medica;

5.     DNI non piu’ vecchio di 10 anni o cedula del MERCOSUR valida;

6.     Certificato del registro delle proprietà della provincia di Buenos Aires.

In aggiunta alla predetta documentazione e per decidere se procedere o meno alla concessione del sussidio, sara’ facolta’ dell’Ufficio Consolare predisporre una visita domiciliare dell’Assistente Sociale.

 

ASSISTENZA SANITARIA

I cittadini italiani che trasferiscono (o hanno trasferito) la residenza in uno Stato con il quale non è in vigore alcuna convenzione con l’Italia perdono il diritto all’assistenza sanitaria, sia in Italia che all’estero, all’atto della cancellazione dall’anagrafe comunale e della iscrizione all’AIRE, fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco, che mantengono il diritto all’assistenza sanitaria in Italia e all’estero.

L’iscrizione all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) o il diritto di voto in Italia, non aprono un diritto all’assistenza sanitaria in Italia.

Tuttavia, ai sensi del DM 1° febbraio 1996 ai cittadini con lo stato di emigrato (sono tali coloro che hanno acquisito la cittadinanza italiana sul territorio nazionale, nati in Italia) ed ai titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani, che rientrino temporaneamente in Italia, sono riconosciute, a titolo gratuito, le prestazioni ospedaliere urgenti e per un periodo massimo di 90 giorni per ogni anno solare, qualora gli stessi non abbiano una copertura assicurativa, pubblica o privata, per le suddette prestazioni sanitarie.
Per ottenere le prestazioni ospedaliere urgenti è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietá in cui si dichiara, oltre al proprio stato di emigrato, che non si è in possesso di una copertura assicurativa pubblica o privata contro le malattie.

Attenzione: Alcune Regioni garantiscono un’assistenza sanitaria più ampia nei confronti dei cittadini emigrati dalla propria regione. Pertanto per maggiori informazioni si consiglia di rivolgersi presso gli Assessorati regionali e provinciali alla Sanità e/o gli sportelli ASL competenti del comune di iscrizione all'AIRE.

Ai connazionali titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani e residenti all’estero che rientrino temporaneamente in Italia, spetta l’assistenza sanitaria con carattere di urgenza, limitata alle prestazioni ospedaliere, in forma gratuita nei primi 90 giorni della data del loro temporaneo rientro, a condizione che non abbiano una propria copertura sanitaria all’estero.
Dovranno rivolgersi al PAMI - Av. Paseo Colon 973 dalle ore 09.00 alle 16.00 Departamento Afiliaciones
Telefono 4362-7396/98 oppure 0800 2227264.
Devono presentarsi con:

  • Documento (DNI) originale e fotocopia;
  • Ricevuta di pensione;
  • Data di partenza e ritorno stimata;
  • Indirizzo in Italia

Il PAMI rilascerà un attestato che poi dovrá essere legalizzato dal Ministerio del Interior (25 de Mayo 179 – Buenos Aires).
Con questo attestato si presenterà presso la competente ASL italiana.

I titolari di pensione che si trasferiscono dall’Italia temporaneamente in Argentina dovranno presentarsi per iscriversi presso il PAMI portando con sé:

  • Attestato rilasciato dall’ASL;
  • Passaporto italiano;
  • Ricevuta di pensione

Indirizzo PAMI: Av. Paseo Colon 975 1º Piano – Buenos Aires
Departamento Afiliaciones dalle ore 09.00 alle 16.00
Telefono 4362-7396/98 oppure
0800 2227264 (PAMI ESCUCHA) e loro indicheranno la sede.
COPERTURA:

  • Medico di famiglia (cabecera);
  • Ospedale di eventuale ricovero;
  • Sconto sui medicinali.

Attraverso le Convenzioni stipulate dai Consolati con ospedali ed altre istituzioni, i cittadini italiani indigenti, residenti nella circoscrizione, possono usufruire di cure ambulatoriali, ricoveri ospedalieri ed assistenza farmaceutica.
Convenzioni ad hoc possono essere stipulate con istituzioni che possono prendersi cura di connazionali anziani ed indigenti che, non essendo autosufficienti, hanno bisogno di assistenza infermieristica e psicologica continua.

 

ATTENZIONE: L’Agenzia Consolare d’Italia di Moron non rilascia nessuna Tessera Sanitaria Europea, essa viene rilasciata in Italia o negli agli Paesi della Comunità Europea previa effettiva residenza.


Per maggiori informazioni sull'Assistenza Sanitaria consultare il sito del Ministero della Salute


30