Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Stato Civile

 

Stato Civile

Registrazione di atti di Stato Civile

Il cittadino italiano residente all'estero, registrato nell’Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero - A.I.R.E. (vedi Ufficio Anagrafe), deve mantenere il suo fascicolo aggiornato e registrare i cambi intervenuti nel suo stato civile (nascite, adozioni, matrimoni, divorzi, decessi).

Ai fini della registrazione di nascite di figli minori o sentenze (divorzi, adozioni ecc.), l’utente dovrà prenotare un appuntamento per l'Ufficio ANAGRAFE / STATO CIVILE attraverso il sistema di Prenota online di questa Agenzia Consolare. Per registrare invece matrimoni e decessi, l’utente può consegnare direttamente la documentazione prevista senza appuntamento nell’Agenzia Consolare, ogni lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle ore 9:00 alle ore 11:30, oppure inviarla per posta ordinaria (Correo Argentino ecc.).

Tutti gli appuntamenti presi attraverso il sistema “Prenota online” dovranno essere CONFERMATI dagli utenti nell’arco di tempo che va dai 10 ai 3 giorni precedenti l’appuntamento seguendo le istruzioni riportate nella mail che il sistema invierà automaticamente all’utente.

I turni NON confermati nel periodo previsto VERRANNO AUTOMATICAMENTE CANCELLATI. Gli utenti sono pregati di confermare il turno SOLO QUANDO abbiano certezza di potersi presentare all’appuntamento con TUTTA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA. Ciò anche al fine di non occupare inutilmente appuntamenti che verrebbero così resi immediatamente disponibili per altri utenti.

L’Agenzia Consolare si riserva il diritto di bloccare le utenze di coloro i quali PUR AVENDO CONFERMATO IL TURNO non dovessero poi presentarsi.

 

DOCUMENTI DA PRESENTARE

  • MATRIMONIO
    • Atto di matrimonio originale tradotto correttamente in italiano.
  • NASCITA DEL FIGLIO DI UN CITTADINO ITALIANO ALL'ESTERO

I figli di cittadini entrambi italiani o di almeno uno dei due genitori con cittadinanza italiana, anche se nati all’estero ed eventualmente in possesso di un’altra cittadinanza, sono cittadini italiani. Pertanto la loro nascita deve essere registrata in Italia.

Per effettuare la comunicazione, bisogna presentarsi all’Ufficio Consolare con i seguenti documenti:

    • Atto di nascita;
    • Atto/i di matrimonio ed eventuale divorzio dei genitori (se non presentati in precedenza);
    • DNI in corso di validità, con l’indirizzo aggiornato (con fotocopia)

In caso il minore non conviva con entrambi i genitori, il genitore non convivente deve sottoscrivere la domanda di iscrizione all’AIRE (vedi Anagrafe)

Gli atti argentini (non saranno accettati certificati) devono presentarsi in originale, correttamente tradotti in italiano.

Gli atti rilasciati prima del 01.07.1990 dovranno essere legalizzati con Apostille dell’Aja.

  • DIVORZIO
    • Sentenza completa in originale (dovrà riportare i seguenti paragrafi: “AUTOS”; “VISTOS”; CONSIDERANDO”; “FALLO”) legalizzata dal Tribunale competente.
    • Qualora vi sia una sentenza di separazione legale in base all’art.67/bis, è necessario presentarla.
    • In presenza di figli minorenni, la sentenza dovrà specificare l’affidamento.
    • Nella sentenza, o in una dichiarazione a parte, dovrà essere specificato che la sentenza di divorzio è passata in giudicato (vale a dire che è “FIRME”, o “CONSENTIDA” o “EJECUTORADA” o che riveste il carattere di “COSA JUZGADA”.
    • La sentenza dovrà essere legalizzata dalla “Camara Nacional de Apelaciones” del Mandamento Giudiziario competente e dal “Ministerio de Relaciones Exteriores, Comercio internacional y Culto” con l’apposizione dell’Apostille – Convenzione dell’Aja.
    • Tutta la documentazione dovrà essere correttamente tradotta in italiano.
  • ADOZIONE
    • Sentenza completa in originale (dovrà riportare i seguenti paragrafi: “AUTOS”; “VISTOS”; CONSIDERANDO”; “FALLO”) legalizzata dal Tribunale competente e atto di nascita originale.
    • La sentenza dovrà specificare lo stato di abbandono del minore o l’autorizzazione di almeno uno dei genitori all’adozione.
    • Nella sentenza (o in una dichiarazione a parte) dovrà essere specificato che la sentenza di adozione è passata in giudicato (vale a dire che è “FIRME”, o “CONSENTIDA” o “EJECUTORADA” o che riveste il carattere di “COSA JUZGADA”.
    • La sentenza dovrà essere legalizzata dalla “Camara Nacional de Apelaciones” del Mandamento Giudiziario competente e dal “Ministerio de Relaciones Exteriores, Commercio Internacional y Culto” con l’apposizione dell’Apostille – Convenzione dell’Aja.
    • Tutta la documentazione dovrà essere correttamente tradotta in italiano.
  • UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO

Si informa che, con l’entrata in vigore del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2016, n. 144, pubblicato in G.U. n.175 del 28 luglio 2016 e vigente dal 29/07/2016 è ora possibile richiedere la trascrizione dei matrimoni e delle unioni civili tra persone dello stesso sesso celebrati in Argentina, ai sensi della legge 20 maggio 2016 n.76, presso i registri provvisori delle unioni civili, istituiti nei Comuni italiani. Si ricorda che il cittadino che all’estero abbia contratto, secondo la legge locale, matrimonio o unione civile, anche prima dell’entrata in vigore della Legge 76/2016, ha l’obbligo di informarne l’Ufficio consolare competente per residenza.

Per registrare l’unione civile o matrimonio tra persone dello stesso sesso, occorre presentare personalmente all’Agenzia Consolare, i seguenti documenti:

    • Atto unione civile o matrimonio in originale munito di traduzione in italiano
    • Dichiarazione sostitutiva comprovante la cittadinanza italiana di almeno uno dei contraenti (solo se non si è iscritti nell’anagrafe consolare)

Si potrà, inoltre, dar corso alle richieste di costituzione di unioni civili presso questa Agenzia Consolare tra persone dello stesso sesso, di cui almeno una in possesso della cittadinanza italiana e residente in questa circoscrizione consolare.

La legge 20 maggio 2016, n. 76 disciplina altresì le convivenze di fatto quale nuovo istituto che prevede alcuni diritti e facoltà conseguenti al dato di fatto della convivenza stabile unita all’esistenza di legami affettivi di coppia.

 

INFORMAZIONI UTILI

  • Registro Nacional de Reincidencia
    Av. Rivadavia 17602 (Morón)
    Tucumán 1353 (Cap. Fed.)
  • Cámara Nacional Electoral 
    L. N. Alem 232
    C.A.B.A.
  • Dirección Nacional de Migraciones
    Hipólito Irigoyen 952
    C.A.B.A.
  • Ministerio de Relaciones Exteriores y Culto (para Apostilla)
    Arenales 961
    C.A.B.A

 


43